12/09/11

E la verità?

Ieri ci sono state le celebrazioni dell'11 settembre.
Fine commemorazione da parte del Ragno Velenoso.

Ricordo che 10 anni fa, mentre ero con una mia ex (no no non si trombava mica figuriamoci), un amico mi ha scritto un sms dicendomi Bombardano l'America.
E' cominciato tutto così, con la gente che non capiva quello che stava succedendo mentre 2 aerei si schiantavano contro le torri gemelle. E circa 3000 persone perdevano la vita.
Ricordo la reazione che ho avuto quando hanno iniziato a spiegare la situazione: odio verso tutti gli islamici, proclamazione di morte per Bin Laden, bestemmie verso Allah... Ed è stata la stessa reazione di quasi tutto il mondo.

Sono passati gli anni e, dopo aver asciugato tutte le lacrime versate, è cominciata ad emergere una sensazione diversa rispetto a quella avuta istintivamente: che sia tutta un'invenzione? Che il crollo delle torri non sia stata solo una manovra governativa per dichiarare guerra all'Iraq?
Ho provato a documentarmi e già la prima mezzora di questo documentario mi ha fatto rabbrividire: aerei scomparsi, manovre impossibili anche per un pilota esperto, edifici appena scalfiti da un Boeing 737, dirottatori incapaci di guidare una macchinina radiocomandata, caccia militari in ritardo come il regionale che da Casalecchio di Reno porta a Rimini.

Il punto del post non vuole essere un'indagine approfondita sulla verità dei fatti, figuriamoci! Non so finire un Sudoku... Però una cosa non riesco proprio a capirla.
Supponiamo che Bush abbia veramente architettato questa messa in scena, abbia deciso che qualche migliaio di morti valevano le motivazioni politco-economiche per entrare in guerra per questo stramaledetto petrolio.
Supponiamo sempre che l'ordine finale sia arrivato da lui, che la frase Non interveniamo sia uscita dalla bocca del guerrigliero più famoso del mondo.
Assumiamo sempre per assurdo che, durante gli schianti sulle torri, sempre lui abbia lanciato il missile Cruise che ha colpito il Pentagono.

Ecco io mi chiedo: come diavolo fai a svegliarti alla mattina, ripensare a tutte quelle vittime e a tutte quelle famiglie rovinate e far finta che non sia mai successo niente? Che razza di uomo sei se non provi almeno un po' di vergogna e di schifo nei tuoi confronti?
Come si fa ad ammazzare 3000 persone e sorridere ancora?

Naturalmente sono solo supposizioni, non mi permetterei mai di dare la colpa di una strage del genere ad un uomo senza una prova tangibile.
Assassino....

52 commenti:

  1. io personalmente non ho odiato tutto il mondo islamico. non lo concepisco ma non l'ho odiato. del resto non capisco nemmeno le guerre per obbligare il mondo alla democrazia quidi...ritengo che nel mondo si debba portare l'informazione il cibo e la conoscenza e se una popolazione con la sua cultura e la sua storia vuole cambiare che lo faccia per conto proprio...
    cmq che sia stato bin laden, bush, la nonna cesarina o il figlio cattivo e illegittimo di batman, condivido le domani che ti poni..

    RispondiElimina
  2. Mai fidarsi dei "documentari" ciecamente. Dai non ti facevo così ignorante...

    RispondiElimina
  3. Mah..Io ho sempre sposato questa teoria (si Anonimo..Pure io sono ignorante..) E nessuno mi farà cambiare idea.

    RispondiElimina
  4. mhm. mi ricordo anch'io quello che stavo facendo, i compiti delle vacanze a casa di un'amica. più che odio ho provato paura, mi aspettavo una guerra mondiale apocalittica su suolo occidentale...
    comunque. i dubbi sono più che legittimi. anche perchè l'America non è affatto nuova a questo genere di auto-attentati per poter iniziare una guerra. dubito che dietro ci sia Bush, che probabilmente conosce buona parte dei retroscena, ma suvvia, è un uomo che stava per soccombere ad un salatino... molto più credibili come 'architetti' i produttori d'armi, i rifornitori delle guerre.
    ovviamente non si può puntare il dito, non si sa nulla con certezza. tuttavia l'ipotesi 'attentato terroristico' mi pare ormai improbabile quanto l'ipotesi complottista. perciò, boh. un giorno, spero, sapremo.

    RispondiElimina
  5. Ho trascorso una buona mezz'ora ieri a guardarmi su YouTube un documentario tradotto in italiano, ma mai mandato nelle nostre tv (figurati!!!). Questo post trova il mio più totale accordo. Anche io mi sono posta le stesse domande... se veramente è stato tutto preparato a tavolino, come dorme la notte questa gente, sapendo di aver ucciso 3000 persone?

    RispondiElimina
  6. Non ce la raccontano giusta ed è evidente da sempre...

    RispondiElimina
  7. "Che razza di uomo sei se non provi almeno un po' di vergogna e di schifo nei tuoi confronti?"
    George Bush.
    O al massimo Paolo Bonolis.

    RispondiElimina
  8. Molto probabilmente, non sapremo mai la verità fino in fondo.
    Molto probabilmente, qualcuno si sarà macchiato di una colpa che non ritiene così grossa.

    Durante la seconda guerra mondiale, Churchill, per non bruciare la copertura inglese sulla fuga di notizie rispetto ai movimenti tedeschi, ordinò di non opporsi ad un bombardamento dove i morti furono molti di più.
    Scelse di sacrificare la gente comune per poter sconfiggere i tedeschi una volta che gli stessi si fossero avvicinati abbastanza e con la dovuta (falsa) sicurezza.

    Il governo degli Usa sapeva degli attacchi? Il governo degli Usa finanziò gli attacchi? Il governo degli Usa sfruttò gli attacchi per una nuova campagna in Medio Oriente?
    Chi può dirlo!?

    Quello che mi pare importante è che, negli Usa come in Afghanistan siano state consumate molte più vite di quanto le partite a scacchi del potere avessero previsto.
    E questo non è mai un bene.

    RispondiElimina
  9. Dani, tutte le teorie complottiste sull'11 settembre (che peraltro erano in contraddizione pure tra loro, quindi figuriamoci quanto potessero essere serie) sono state da tempo sbugiardate.

    senza andare nello specifico e spiegare punto per punto perché sono tutte puttanate (ci sono decine e decine di siti che lo fanno egregiamente, come ad esempio questo http://nuke.crono911.org/), c'è solo UNA questione di stretta logica che chiunque dovrebbe prendere in considerazione prima di stare a sentire un complottista:

    la teoria è che bush (o i "servizi segreti", o i "poteri forti" alle sue spalle) abbiano organizzato|tollerato gli attentati dell' 11 settembre come scusa per fare una guerra e guadagnare sulla guerra stessa, giusto? e quindi la teoria è che se qualcuno guadagna da un certo evento vuol dire che potrebbe essere interessato a generarlo, giusto?

    beh, allora come la mettiamo con il fatto che TUTTI i sostenitori delle tesi di complotto, TUTTI gli autori dei famigerati "filmati verità" sull'11 settembre (e non solo), se veramente hanno a cuore la Libertà e la Verità, non lo fanno gratis ma lo fanno A PAGAMENTO?

    la realtà è che chi fa soldi sui morti dell'11 settembre SONO LORO, mentre i debunker, quei poveracci che cercano di sbugiardare queste bufale, lo fanno quasi sempre a gratis (vedi il sito di cui sopra, che ha fatto un "libriccino antibufala" e lo mette a disposizione come PDF GRATUITO)

    RispondiElimina
  10. insomma, fomentare le teorie del complotto è un business, un business basato sulla morbosità della gente (né più ne meno dei maghi televisivi o di chi gioca al lotto e superenalotto).

    dargli credito, pubblicizzare le loro opere, non significa aiutare la Verità ma aiutare LORO a guadagnare ancora di più.

    RispondiElimina
  11. Rispondo genericamente.
    Come ho scritto:
    "Il punto del post non vuole essere un'indagine approfondita sulla verità dei fatti" bensì vuole sapere come faccia certe gente a dormire la notte conoscendo certi segreti che hanno portato migliaia di morti.
    E per segreti non intendo le bufale o le antibufale (Fletcher, per te non esiste mai complotto in nessun caso): anche solo vendere armi al paese con cui sta facendo la guerra dovrebbe essere motivo di insonnia (mi sbugiarderete anche su questo?).

    Come dice saggiamente Mr James Ford "non sapremo mai la verità fino in fondo" soprattutto perchè non saremmo in grado nè di accettarla nè di capirla.

    @Anonimo: se tu avessi letto il post avresti capito che non ho dato cieca fiducia a quel documentario. Se tu l'avessi letto...

    RispondiElimina
  12. cieca fiducia no ma sincera convizione assolutamente si... parlo per me ovviamente

    RispondiElimina
  13. Ho pensato la stessa cosa guardando un documentario ieri (erano testimonianze, niente pensieri del genere): che uomo di merda.

    RispondiElimina
  14. crono911: Ti smonta tranquillamente TUTTE le cazzate, dal missile cruise fino alle torri minate.
    Che, ripeto, sono puttanate a cui può credere solo un ignorante.

    RispondiElimina
  15. @Mente: ovviamente...
    @Juliet: che Bush non fosse simpatico si sapeva
    @Anonimo: prima firmati poi fammi una pompa

    RispondiElimina
  16. Mi fa un po' ridere la richiesta di firmarmi... tu fai ragno di nome e velenoso di cognome?
    Ti assicuro che l'ho letto il post: il documentario ti ha fatto rabbrividire... sul serio, informati prima di scrivere cavolate, non esiste alcun dubbio sull'accaduto
    Saluti

    RispondiElimina
  17. Beh io ci metto un account Blogger e una mail.
    Tu ci metti una buona dose di vigliaccheria...

    Ad ogni modo non ho mai sostenuto che la verità stesse nella teoria del complotto, ho solo detto che certe possibilità fanno rabbrividire.
    Beato te che conosci la verità...

    RispondiElimina
  18. Bah, se quell'amministazione americana non c'entra nulla con quella strage, si tratta dei più colossali incompetenti e imbranati della storia. Il più colossale impianto di difesa mai messo in piedi dall'uomo che si fa giocare da un pugno di matti al comando del socio in affari del presidente che vive chissà dove in una tenda-bunker, e che è morto almeno quattro volte?
    Questo a grandi, essenziali linee. La verità completa vai a saperla.

    RispondiElimina
  19. Cazzarola...Faida anche oggi...Tu morirai entro l'anno..!!

    RispondiElimina
  20. io invece lo do proprio per scontato... come può dormire? su un fianco! del resto quel giorno era con la famiglia bin laden. loro sono gli unici ad aver volato. avrà fatto più fatica a dormire i giorni precedenti, per la paura che qualcosa andasse storto, una volta volta fatto il botto, se la sarà sghignazzata... anzi guarda, per me se la sta ancora ridendo.
    che dio l'inculi con la sabbia!

    RispondiElimina
  21. Ho aperto un nuovo blog di cinema dove ognuno può collaborare scrivendo "recensioni", passa se ti va: http://onewordaboutcinema.blogspot.com/

    A presto!

    RispondiElimina
  22. Sono arrivato a destinazione tutto intero. Ennesima dimostrazione che era un invenzione di Bush.

    RispondiElimina
  23. che senso ha dire "non voglio approfondire, ma potrebbe essere vero quindi mi incazzo"?

    uno si può incazzare o indignare solo se sa di cosa sta parlando, se si è informato, altrimenti io posso dire "non sono sicuro che il mio vicino di casa entri nella mia stanza di notte e mi inculi senza che io me ne accorga, ma potrebbe essere vero quindi mi incazzo e se lo incontro gli spacco il culo".

    se hai avuto la pazienza di guardarti un po' di quella puttanata, trova la pazienza di leggerti un po' dell'altra campana, e poi, quando avrai approfondito, potrai incazzarti o no, ma con un senso.

    senza contare che, come detto, se l'indignazione non deriva dal fatto che l'attentato ci sia stato o meno, ma dal fatto che c'è gente che in seguito all'11 settembre ci ha guadagnato, allora i PRIMI con cui incazzarsi sono i complottisti, perché loro, con i loro LIBRI VERITA', e QUELLO CHE NON VI HANNO MAI DETTO, e puttanate simili ci hanno fatto (e continuano a fare, grazie a chi gli da' corda) barcate e barcate di dollari.

    RispondiElimina
  24. @web runner: se dietro l'incompetenza o l'impreparazione ci fosse sempre un complotto o un reato il 99% della popolazione mondiale sarebbe in galera.

    che ci sia stata tanta incompetenza e impreparazione nelle vicende dell'11 settembre non lo nega nessuno, ma dov'è la novità?

    RispondiElimina
  25. @Oneword: sei uno spammer professionista... bel mestiere, complimenti.

    RispondiElimina
  26. Quando sei un uomo di potere la vita di un uomo conta meno di un fiammifero.

    RispondiElimina
  27. Ma se poi ha ammazzato migliaia di civili irakeni e pakistani..cazzo gliene frega di 3000 niuiorchesi fighetti?

    RispondiElimina
  28. Gli Americani sono un popolo di merda.stop
    Ci hanno frantumato i coglioni con la decima ricorrenza dell'attentato al WTC, ma delle centinaia di migliaia di morti Iracheni e Afgani? Qualcuno pensa alla loro ricorrenza, oppure tutto è giustificabile? Per i "signori" che accettano beatamente la versione ufficiale, il pretesto è sufficiente per invadere, occupare e uccidere?
    Già, dimenticavo Iraq e Afghanistan hanno gasdotti e petrolio, ma questo sicuramente non è il motivo...

    RispondiElimina
  29. "Anonimo ha detto...
    crono911: Ti smonta tranquillamente TUTTE le cazzate, dal missile cruise fino alle torri minate.
    Che, ripeto, sono puttanate a cui può credere solo un ignorante."

    Beh, ignorante..siete tutti geni in architettura?
    La gente che non crede ai complottisti ma alle tesi ufficiali non è per forza più intelligente dei complottisti perchè non crede alle "puttanate", infatti crede ciecamente in chi la comanda. Grande atto di intelligenza, non c'è dubbio, ahah!

    RispondiElimina
  30. @Danx: tu parli di CREDERE, e il problema è proprio questo. non si deve CREDERE, ci si deve INFORMARE e poi ragionare con la propria testa.

    è ovvio che se uno prima sceglie la versione che gli sembra più consona alle sue idee (=PREgiudizi), e poi ascolta solo quella, più che informarsi fa un atto di fede.

    RispondiElimina
  31. A mio avviso pensare che i complottisti siano tutti dei coglioni è un PREgiudizio.
    Le scelte sono due, perchè il ragionevole dubbio c'è da entrambe le parti.
    1) credere che i sauditi siano stati così bravi da fare tutto (quasi) perfettamente rifiutando il fatto che siano stati così stupidi da beccare il giorno sbagliato per attaccare le torri gemelle (c'erano meno della metà delle persone ma forse è perchè sono buoni e non volevano uccidere i civili). Credere altresì che Hani Hanjour sia stato così bravo da effettuare una manovra praticamente impossibile per attaccare il pentagono (mai spiegata) e credere ai testimoni che, dopo uno schock del genere, ricordano perfettamente cosa sia successo davanti ai loro occhi.
    2) credere che sia stata opera di Bush, che abbia messo in piedi questa pantomima, abbia ucciso dei connazionali innocenti, abbia dato la colpa a Bin Laden, abbia fatto scoppiare la guerra per "alcuni" litri di petrolio.

    Bene io non credo a nessuna di queste due versioni se non che
    a) ci sono ancora molti punti oscuri sull'11 settembre 2001
    b) Bush è un figlio di puttana senza cuore
    c) Bin Laden è Bush talebano
    d) i kamikaze non sono persone equilibrate psicologicamente
    e) Hani Hanjour non avrebbe dovuto avere una licenza di volo commerciale

    Poi credete a chi volete ma non date per certo quello in cui credete, passerete per imbecilli

    RispondiElimina
  32. A parte che :
    c) Bin Laden è Bush talebano
    mi ha fatto ridere parecchio...poi ho smesso perchè è morto solo uno dei due.
    Sinceramente ogni nostro pensiero è manovrato in una direzione o in un'altra, sia x le teorie governative sia x quelle complottistiche. La verità è qualcosa di utopistico (ahimè) e chi dice che la gente non è pronta ad ascoltare o a capirla allora è uno stronzo perchè io mi sento in grado di ascoltare (e se posso farlo io lo può fare chiunque..credetemi).
    Credo che la verità sia importante, ma che ancor di più lo siano le tremila (cazzo 3000) persone che ci hanno lasciato la pelle, gente che andava a lavorare o che era in vacanza o che si faceva i cazzi suoi, questa è la vera tragedia.
    E ora vado a fare in culo perchè sta cosa mi fa incazzare come una merda!
    Viva Ragno, hai azzeccato il punto del post e per chi non la pensa come me, beh...esiste la libertà di pensiero, ma è meglio collegare il cervello prima di comunicarla al mondo.

    RispondiElimina
  33. dove ho detto che i complottisti sono dei coglioni? figurati che uno dei principali e più seri complottisti italiani, roberto quaglia, lo conosco di persona, è un caro amico di un mio amico, oltre ad essere una persona di grandissima intelligenza e cultura, e uno dei principali scrittori di fantascienza europei. ci ho anche mangiato insieme un paio di volte, ed è una persona straordinaria.

    più in generale, tutti gli autori "complottisti" sono persone notevolissime: e d'altronde hanno avuto grande intuito, sanno sfruttare al meglio le pulsioni della gente (in questo caso la tendenza a vedere misteri e segreti dappertutto), e ci guadagnano sopra: bravi loro!

    il fatto è che, se uno non sta a sentire acriticamente quello che dicono, e va ad informarsi in prima persona, vedrà facilmente che tutti quei "punti oscuri" di cui parli tu, in realtà, oscuri non sono.

    già che ne hai citato uno, chi lo dice che la manovra di hanjour fosse difficile, addirittura "impossibile"? l'hai chiesto a qualche pilota, o ti fidi di quello che dice mazzucco? doveva colpire l'edificio più grande degli stati uniti, in uno spazio aperto, che dal cielo si vede a decine di chilometri di distanza. e tant'è per poco non è riuscito a mancarlo.

    questo è solo uno dei mille MISTERI che circondano i fatti dell'11 settembre, e che in realtà misteri non sono.

    ripeto, non devi credere a me, non devi credere a mazzucco, non devi credere a bush/obama: devi andare a guardare i FATTI (fortunatamente è uno degli eventi più documentati della storia e viviamo in un'epoca in cui si ha accesso praticamente a qualsiasi dato, quindi non è difficile) e poi farti una TUA opinione.

    ma è troppo semplice dire "ci sono un sacco di misteri" e poi non andare a guardare se sono VERAMENTE misteri o se qualcuno TI DICE che sono misteri quando in realtà sono questioni semplicissime.

    RispondiElimina
  34. @Fletcher: rispondevo solamente a chi mi ha dato dell'ignorante avendo insinuato il dubbio in un evento che, verosimilmente, la fa pensare in maniera diversa a molte persone.

    La risposta alla tua domanda è sì: alcuni piloti dell'aeronautica hanno commentato in tal senso la manovra (minuto 18 del "documentario" che fa di me un ignorante).
    Non ha "preso il Pentagono" ma ha fatto una manovra rasoterra degno di uno dei migliori piloti di caccia.
    Poi è chiaro che quell'ufficiale sarà stato pagato per dire quello che ha detto, ha mentito spudoratamente perchè aveva scommesso un caffè al bar con gli amici... Perchè è questo che diranno i pregiudicatori del complotto.

    Non nego che il documento Crono911 abbia chiarito molte cose, sarei un ipocrita a non dirlo, ma non TUTTO è chiaro e limpido.

    RispondiElimina
  35. guarda che i piloti di quel video dicono tutt'altro: dicono che se avesse voluto andare a colpire QUEL PUNTO LI' volando SEMPRE rasoterra sarebbe stata una manovra molto difficile.

    qui c'è la trascrizione di tutta la trasmissione:
    http://undicisettembre.blogspot.com/2008/08/p-come-pentagono-m-come-mistero-1922006.html

    ovviamente mazzucco taglia e cuce mettendo solo la parte che piace a lui: non mette la parte in cui il pilota alitalia dice che in realtà arrivare sul pentagono è possibile anche per un pilota non esperto, e che anche un pilota non esperto, con i normali simulatori in commercio, può imparare ad usare gli strumenti necessari per fare quella manovra.

    poi aggiunge (ed è l'unica parte che mazzucco inserisce) che colpire QUEL PUNTO PRECISO era molto difficile, ma hanjour voleva colpire quel punto preciso (perché l'anello esterno del pentagono sono uffici pubblici e centri commerciali), anzi è praticamente certo che volesse puntare il centro, dove ci sono gli uffici più importanti.

    semplicemente ha sbagliato manovra (altro che MANOVRA IMPOSSIBILE) e si è abbassato troppo all'ultimo momento, negli ultimissimi secondi, rischiando quasi di schiantarsi per terra senza nemmeno toccare l'edificio.

    ricordati che non ha volato per un'ora radente al suolo, ha fatto solo gli ultimi 300-400 metri, che a quella velocità equivalgono all'ULTIMO SECONDO del suo volo.

    http://undicisettembre.blogspot.com/2006/09/la-virata-impossibile-al-pentagono.html

    ma comunque, a parte tutti questi discorsi, mettiamo pure che sia una "manovra difficilissima": il succo del discorso è che quell'aereo sul pentagono CI E' FINITO (lo riconoscono persino i complottisti più accaniti), quindi cosa vogliamo dire? che non era hanjour al comando? che a bordo, oltre a quelli identificati, che c'era un altro dirottatore arabo suicida che era un pilota bravissimo? e quindi?

    RispondiElimina
  36. Per me un'ipotesi da prendere in considerazione è che sapessero della preparazione di questi attentati e non hanno fatto niente per impedirlo, esattamente come successe a Pearl Harbor.

    RispondiElimina
  37. ecco, tra tutte le ipotesi di complotto quest'ultima è l'unica ad essere verosimile e sostenibile da un punto di vista logico.

    ovviamente tra "verosimile" e "vera" ce ne passa, anche perché a tutt'oggi nessuno ha spiegato veramente CHE COSA ci avrebbe guadagnato Bush dall'11 settembre.

    RispondiElimina
  38. Ricordo che i dirottatori non erano esperti militari dell'aeronautica.
    Manovre del genere vengono fatte, per esempio, da piloti di caccia americani.

    Come dici tu non è "vero" ma un tarlo per situazioni come questa si insinua nel cervello e credo sia doveroso.

    Come doveroso sia non credere ad ogni singola parola di Crono 911.

    RispondiElimina
  39. Il punto del post non vuole essere un'indagine approfondita sulla verità dei fatti, figuriamoci! Non so finire un Sudoku...


    GENIO

    RispondiElimina
  40. aridaje... i dirottatori non erano esperti piloti militari, e infatti NON HANNO FATTO manovre da esperti piloti militari.

    hanno fatto manovre che (testuali parole degli esperti interpellati in quella trasmissione che mazzucco mostra al minuto 18):
    "è evidente che su Internet, o con qualsiasi programma di simulazione di volo, qualsiasi pilota che ha l'esperienza di pilotaggio, anche basica, può simulare a un simulatore di volo con un computer o con un programmino che è in vendita a 60 dollari attacchi al Pentagono, alle Twin Towers e dove si vuole, con estrema facilità."

    poi, e lo ripeto per l'ennesima volta, nessuno ti chiede di CREDERE acriticamente a crono911 o a chicchessia. devi guardare i FATTI, i MATERIALI che sono a disposizione (e ce ne sono quanti ne vuoi) e poi farti una TUA opinione.

    il bello è che crono911 (e in genere i debunker) forniscono tutti i riferimenti tecnici e i materiali riguardanti gli argomenti di cui parlano.

    i complottisti, no: i complottisti buttano lì una affermazione con tono convinto, facendola passare come un'ovvietà, e sperano che nessuno vada mai a controllare.

    l'esempio tipico è la "manovra impossibile". anche se non è vero, mazzucco nel suo documentario lo dice con tanta sicumera, come se fosse una cosa evidente, che tu la dai per buona acriticamente quando in realtà non è vero per nulla.

    RispondiElimina
  41. @magnetico: quindi la potentissima organizzazione segreta bushiana che starebbe dietro all'11 settembre non era per niente segreta, ma una associazione pubblica, con tutti i nomi dei suoi appartenenti facilmente accessibili a tutti, e con un bel sito internet a disposizione del pubblico?

    non ci sono più le organizzazioni segrete di una volta...

    RispondiElimina
  42. @Fletcher: stai dicendo che basta prendere una "patente" aerea (è quello che avevano i dirottatori) e comprare Flight Simulator e si può guidare per 1 km (non ho trovato dove fosse scritto 300/400 metri) a 10 metri da terra ai 900 km/h (pardon 850 km/h non vorrei mai dare informazioni infondate)?
    Ah beh allora possiamo prendere la patente B, comprare Gran Prix 5 e battere il record del mugello, altro che Alonso...
    Oppure con la patente A e un simulatore da 60 euro battere Valente Rossi.

    Non puoi dire con certezza che sia tutto dimostrato e vero così come la parola di Bush.

    RispondiElimina
  43. intanto non lo sto dicendo io, ma lo hanno detto i piloti e tecnici in quella trasmissione.

    inoltre (e di nuovo, non lo dico io, ma lo dicono I FATTI obiettivamente registrati) non è che avesse una "patente", hanjour aveva 250 ore di volo e un background come pilota militare, quindi non era un fenomeno ma sapeva volare.

    e il fatto che abbia volato rasoterra solo per 300 metri crica (cioè per UN SECONDO) lo dimostrano le scatole nere e i dati dei radar (che nessun complottista ha mai negato), e soprattutto il fatto che lo spazio aperto davanti al pentagono è poco di più, c'è un'autostrada con uno svincolo sopraelevato (ti basta guardare su google maps, non serve nemmeno andare a guardare la documentazione, cosa che ovviamente finora NON HAI FATTO), quindi se avesse volato rasoterra per un chilometro SI SAREBBE SCHIANTATO contro l'autostrada.

    il tutto senza dimenticare l'interrogativo fondamentale, a cui non hai ancora risposto:

    -posto che quell'aereo si è schiantato sul pentagono (non lo mette in dubbio nemmeno il più accanito dei complottisti ormai, visto che lo hanno visto quasi cento persone e ci sono i frammenti dell'aereo e i resti dei passeggeri a dimostrarlo), se anche avesse volato per un chilometro rasoterra con una manovra difficilissima che cosa vorrebbe dire? che cosa comporterebbe?

    che hanjour era più bravo di quanto si creda? che non era lui al comando e c'era un altro attentatore suicida più bravo di lui?

    se anche si dimostrasse (e non è così) che ha fatto una manovra complicatissima, CHE COSA CAMBIEREBBE?

    RispondiElimina
  44. più in generale, io non credo "alla parola di Bush", io MI INFORMO SUI FATTI.

    su alcune questioni ci sono FATTI incontrovertibili, e quindi lì non è un problema di ipotizzare o credere, c'è una realtà fattuale e da quella non si può scappare. su altre questioni non c'è nessun fatto concreto, nessuna prova, quindi ognuno può credere ed ipotizzare quello che vuole, affidandosi solo alla logica.

    ad esempio, sulla dinamica degli eventi, su quali aerei abbiano fatto cosa e come sia successo, ci sono dei fatti, delle certezze incontrovertibili, e non c'è bisogno di credere o non credere.
    sul fatto che bush sapesse o non sapesse in anticipo cosa sarebbe successo, ovviamente, non c'è nessuna prova concreta, quindi ognuno può credere o non credere, fare ipotesi per il si o per il no, affidandosi alla logica.

    RispondiElimina
  45. Purtroppo non posso rispondere alla tua prima domanda: ci sono troppi "se" e questo porterebbe ad un'IPOTESI, non ad una CERTEZZA quindi, anche se non ho ben capito perchè, non è possibile parlarne.

    L'autostrada è ben visibile sulla cartina di crono911 e quello che forse NON HAI VISTO è che vengono divelti alcuni pali della luce sopra tale autostrada (almeno, sembra che siano lì sopra altrimenti non sarebbe chiaro il loro posizionamento) mentre essa non viene sfiorata.
    Ecco a quella velocità colpire 4 pali della luce senza sfiorare l'asfalto a mio avviso è una manovra difficile (io ho molto più di 200 ore di guida, penso anche tu, ma non me la sentirei di fare il GP di Monza).

    Insinuare un dubbio sul fatto che tale dirottatore fosse stato addestrato da un'istituzione più grande e preparata di Al-Qaeda è lecito.

    Purtroppo però che la manovra fosse complicata per uno che "NON ERA un fenomeno ma sapeva volare" non posso dimostrarlo: non ne ho la possibilità.

    Ho già ritrattato il post scritto di getto e, ahimè, poco pensato.
    Non ritratto le cose che penso e che penserò finché non sarò crepato.

    Ma sono solo supposizioni, non esistono scatole nere all'interno dei crani dei padroni del mondo.

    Per cui basta discutere: l'11/9 Al-Qaeda ha messo in ginocchio l'America.
    Quindi Al-Qaeda è più forte dell'America.
    Bush e i Servizi Segreti sono degli incapaci.

    Queste sono DEDUZIONI CERTE dovute alla REALTA' dei fatti.

    RispondiElimina
  46. http://lh5.ggpht.com/paolo.attivissimo/SDEhE3RQJrI/AAAAAAAACU8/gMS3oLZPbYQ/s800/vin-narayan-google-earth.png

    basta guardare la foto... non è che tra l'autostrada e il pentagono ci siano chilometri e chilometri, non è che abbia volato radente sull'autostrada e poi, sempre continuando a manovrare, sia andato a sbattere.

    tra il momento in cui ha passato l'autostrada (strappando l'alberto e colpendo i pali) e quello dell'impatto è passato UN SECONDO, non è stata una "manovra", è solo l'ultimissimo momento di una traiettoria che aveva iniziato molti chilometri prima.

    e infine, se veramente era un pilota superesperto che si fingeva scarso, perché avrebbe dovuto fare quella manovra lì, e andare a schiantarsi all'esterno del pentagono, anziché fare una manovra che lo portasse a schiantarsi all'interno, dove stanno i pezzi grossi?

    a parte questo, che Bush e i servizi segreti si siano dimostrati incapaci mi sembra una deduzione abbastanza ovvia. ho mai detto qualcosa di diverso? ho detto che bush è un grande e un genio?

    il punto è che non si può sostenere contemporaneamente da un lato che bush e i servizi segreti sono gli autori di una gigantesca cospirazione, che ha richiesto l'intervento di migliaia di persone nella segretezza più totale, senza che sia mai trapelato niente (e peraltro senza specificare perché), e dall'altro che siano al tempo stesso degli idioti e degli incapaci.

    non si può sostenere al tempo stesso che le guerre in iraq e in afghanistan siano costate carissime agli usa, e che abbiano tollerato gli attacchi dell'11 settembre per avere la scusa di farle.

    eccetera eccetera eccetera.

    RispondiElimina
  47. "e infine, se veramente era un pilota superesperto che si fingeva scarso, perché avrebbe dovuto fare quella manovra lì, e andare a schiantarsi all'esterno del pentagono, anziché fare una manovra che lo portasse a schiantarsi all'interno, dove stanno i pezzi grossi?"
    E' proprio questo (e non solo questo) che fa pensare che potesse essere qualcosa di diverso di un attacco terroristico islamico bensì un "controllato" diversivo.

    Ripeto CHE FA PENSARE e non che lo sostiene con certezze assolute.
    Come ho già detto i dirottatori sono "stati così stupidi da beccare il giorno sbagliato per attaccare le torri gemelle (c'erano meno della metà delle persone)"

    Prima che me lo dica tu, ti assicuro che se ci fossero state 30.000 vittime avrei pensato comunque al complottone :D

    RispondiElimina
  48. Ma i piloti dei caccia USA, quindi, si sono suicidati per fare un piacere a Bush e Rumsfield? Gulp

    RispondiElimina
  49. poi quella che le torri gemelle avessero "poca gente" quel giorno è un'altra bufalazza, semplicemente una puttanata buttata lì dai complottisti e ripetuta tante di quelle volte che alla fin fine la gente inizia a ripeterla come se fosse vera.

    le torri gemelle potevano IN TEORIA tenere fino a 30.000 persone circa, ma quella è la CAPACITA' massima: nessun edificio è sempre pieno al 100% della sua capacità, e soprattutto un palazzo di uffici, in cui tra l'altro non tutti i piani erano utilizzati.

    al momento dell'incidente c'erano quasi 18.000 persone nelle torri, ne morirono "solo" 3.000 perché, anziché crollare subito (come probabilmente speravano i terroristi), le torri rimasero in piedi per un'ora ciascuna circa, permettendo l'evacuazione di tutti quelli che si trovavano sotto ai punti d'impatto.

    RispondiElimina

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons