08/02/16

Simm'e napule paisà

La signora (o signorina) Fabiana Paciello ha espresso un suo pensiero molto chiaro nei confronti delle istituzioni che hanno impedito la trasferta allo Juventus Stadium dei tifosi del Napoli.
Potete leggere qui il suo post pubblico su fb e ascoltare la sua intervista alla Zanzara.
Sorprendentemente miss cuoriciona si è cancellata da facebook dopo il clamore che l'ha travolta (al momento non si trova il suo profilo in rete).

Premetto che il calcio mi abbia stufato, lo seguo solamente per il Fantacalcio e per qualche scommessa saltuaria durante l'anno. La seconda premessa è che questo post generalizzerà su tutto e su tutti, spero non sia un problema altrimenti potete scrivere le vostre rimostranze a Fabiana Paciello C/O Istituto Comprensivo De Curtis.
Da anni sostengo il fatto che I tifosi sono la morte del calcio soprattutto quelli che vanno allo stadio assiduamente, gli abbonati, i gruppi organizzati, quelli che aspettano i giocatori all'aeroporto e quelli che vanno a vedere gli allenamenti (ma come ti viene in mente?). Sono convinto che siano una manica di ignoranti che aspettano la domenica per poter sfogare la propria rabbia repressa in uno stadio al freddo e al gelo (leggete il paragrafo sopra se state pensando Non tutti sono così) per idolatrare persone che hanno avuto la fortuna di sapere giocare bene a calcio e che, nel periodo di Natale mentre voi avreste piacere di andare allo stadio con tutta la famiglia, se ne stanno palle all'aria a mangiare panettone perchè le festività sono sacre.
Detto questo io odio sti cazzo di falsi perbenisti che scattano in piedi stizziti se sentono un "frocio" o un "negro" partire da qualche bocca durante il contesto dei 90 minuti. Tipo il povero piccolo Mancini al quale è stato dato del finocchio (insulto in disuso dagli anni '80). Proprio lui che inveiva contro arbitro (e famiglia) ogni santa volta che scendeva in campo come giocatore.

Ma allora caro Ragno delle mie palle perchè ti lamenti se quella povera cretina ha scritto parole dure contro la Juve? Perchè sei un gobbo di merda? Perchè ti stanno sul cazzo i napoletani? Perchè sei un perbenista delle mie palle?

Grazie delle domande. La risposta è sì a quasi tutte.
Ma il punto principale della mia indignazione siete voi. Voi che condividete 1000 post su qualsiasi social se un politico prende l'auto blu per andare a trans ma non muovete un dito se una professoressa, che potrebbe insegnare ai vostri figli, ha queste convinzioni. Convinzioni che possono portare ancora più odio tra nord e sud. Convinzioni che possono essere trasmesse a ragazzini di 14 anni (che ancora non capiscono una beneamata sega della vita) e che possono viaggiare veloci sull'etere. Convinzioni secondo cui morire per andare a vedere una partita di calcio negli anni '80 significhi andarsela a cercare.

Ecco, per questo dovreste incazzarvi perchè se tutti scrivessimo all'istituto dove lavora a al ministero dell'istruzione allora potreste provare a migliorare il mondo. Cliccare condividi aiuterà solamente a velocizzare la frantumazione delle mie palle per la noia che mi provocherete.

Detto questo vorrei concludere con un commento che l'ingegnere ha fatto sul mio post di fb (no, non ve la dico la mia identità. La conosce solo Pesa ma non scrive/legge più blog):

Bella figa

6 commenti:

  1. A parte che 'sta Fabiana è un cesso (parere personale, eh) per me il calcio può chiudere anche subito: non me ne frega un assoluto cazzo, anzi meno.

    RispondiElimina
  2. A proposito di tiroMancino: uno che va a sputtanare in pubblico uno che ti ha insultato in privato nello spogliatoio é finocchio A PRESCINDERE.

    RispondiElimina
  3. oddiooooooo, questa studia germanistica!!!! proprio alla vigilia di juve-bayern!!!!!

    nuuuooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Casualità? Coincidenza? Io non credo..." [A. Kadmon]

      Elimina
  4. Fosse per me le partite andrebbero giocate a porte chiuse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "I tifosi sono la morte del calcio"

      Elimina

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons