31/05/16

Attenti al goriiii iii iii iii là

Il signor Harambe aveva 17 anni, in procinto di prendere il foglio rosa e non aveva voglia di studiare matematica per il compito in classe del giorno dopo.
Harambe è stato ucciso perchè, pesando 180kg e non avendo intenzione di mettersi a dieta, avrebbe rischiato di fare una carezza che avrebbe staccato la testa di un bambino di 4 anni.
Ah, Harambe è un gorilla, mica un essere umano.

Immagino che chiunque conosca questa storia, altrimenti leggete pure la sintesi qui di seguito
- Alcuni genitori portano il figlio allo zoo perchè giocare alla WII fa male
- I genitori si nascondono per limonare nella gabbia dei Leocorni
- Il bambino scivola nella gabbia del gorilla Harambe
- Il gorilla fa lui delle avance sentimentali
- BANG
(cambiando "gabbia" con "chiesa" e "gorilla Harambe" con "prete" otterrete una storia vera)
Harambe durante la festa di fine anno
Soffriva di invecchiamento precoce

La soluzione di abbattere il gorilla era l'unica ammissibile: il rischio che il bimbo potesse morire era troppo alto e a quel punto lo zoo avrebbe avuto ben più problemi di 8000 idioti che firmano la petizione "Giustizia per Harambe" e che pensano che Il libro della giungla sia una storia vera.
Ai genitori, invece, dovrebbe essere inflitta una multa molto salata e i soldi investiti a favore dei gorilla. Magari comprando loro delle banane split (gli scimpanzè hanno bisogno d'altro?).

Il punto cruciale della questione è che non interessa più a nessuno del gorilla, del bambino, dello zoo, dei genitori, di Sandy Marton, perchè l'obiettivo è far scoppiare la polemica tra animalisti e i 'Cosa cazzo me ne frega degli animali' (di cui sono presidente onorario).

Ciao Harambe, insegna agli angeli come grattarsi la testa.

AFFITTASI gabbia c/o Cincinnati

6 commenti:

  1. Risposte
    1. come forno crematorio hanno usato l'ILVA

      Elimina
  2. quindi nessuno ha sparato al prete? peccato...

    RispondiElimina
  3. Bastava addormentarlo per riuscire ad andare a ripescare il bimbo.

    Poi, una volta risvegliato, c'avrei buttato dentro i genitori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sbagliato. Sparargli un dardo sonnifero poteva causare una reazione violenta di qualche secondo (giusto il tempo di stritolare il piccolo).
      La morte era l'unica strada senza rischi

      Elimina

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons