26/04/10

Glu glu glu....Burp!

Bere è stupendo. La sensazione di torpore dovuta ad un uso eccessivo di alcolici è una delle più belle che siano mai state inventate. E semmai dovessi incontrare l'inventore, gli stringerei la mano (credo sia un qualche dio di cui si parla dei vangeli apocrifi).
Ovviamente per "uso eccessivo" non intendo "Ehi ma hai la testa infilata nel cesso, tutti i capelli sporchi di vomito e non capisci nulla di quello che ti dico!" ma voglio dire "La smetti di mandare sms a tutte le tue ex compagne di classe brutte che non senti da 5 anni sperando che siano nel raggio di qualche metro per poterle sbattere la lingua in bocca?".
Vabbè sì, poi lo sanno tutti che bere fa male, causa dipendenza (che bella dipendenza...) e fa venire la cirrosi. Oltre che una pancia degna di Obelix. E sequestro della macchina.

L'altro giorno sentivo l'ultima perla di un nonsoquale ministro di un nonsoquale schieramento politico (qualcuno ha detto disinformazione?) che vuole multare i gestori dei bar qualora servissero alcolici ai minori di 16 anni. E una bella multa, in eguale misura (450 euro), anche ai genitori.
A parte il fatto che io, a 15 anni, non uscivo di sera per andare a bermi un colpetto. E, nelle rarissime uscite dovute a qualche festa sotto casa mia, non avevo i soldi per permettermi una bevuta! Cazzo, costano 6 euro e una volta erano dalle 7 alle 8 mila lire (bei tempi...)!
D'accordissimo sulla multa ai genitori, ma cosa ne può un povero gestore del bar? Io immagino una scena del genere al venerdì sera in un qualsiasi bar nei vicoli a Genova:
Cliente giovane: ciao, una vodka lemon
Barista: sì un momento, puoi favorire un documento?
Cliente in coda: allora ci sbrighiamo?
Barista: sì sì un attimo devo vedere se ha compiuto 16 anni
Cliente appena entrato di 40 anni appena uscito dalla galera: oooh io voglio una birra porca puttana!!
Barista: allora vediamo, 30 maggio 1994...Siamo nel 2010...Allora...
Cliente spazientito: ma checcazzo sbrigatevi!!
Cliente giovane: ma si può avere da bere?
Barista: sì sì un momento...2010-1994...16...però maggio, siamo ad aprile....ma quanti anni hai?
Cliente giovane: 19 anni
Ex galeotto: lancia un coltello e finisce in un massacro. Ma nessun minore ha bevuto. Nè berrà mai più
Dai siamo pazzi!! Come può un barista chiedere i documenti a tutti quelli che entrano (tra i 14 e i 20 anni)?? La colpa è dei genitori, punto e chiuso. 900 euro di multa a loro e vedrai se non si incazzano. Posso solo immaginare i miei genitori se avessero mai ricevuto una multa del genere per colpa mia.
- 900 euro eh...
- papà scusa non sapevo
- sei morto
- no scusa ti ripagherò
- sì, col sangue. Ora ti gonfio
- aaaaaaaaaah
Più o meno (forse ho enfatizzato...).


Lasciateli bere in pace! Ancora non guidano...

12 commenti:

  1. Il problema che i genitori di oggi (vuoi per idiozia, vuoi per quieto vivere, vuoi per) tendono a proteggere i figli di fronte a qualsiasi evidenza.

    Se si vedessero arrivare una multa del genere, denuncerebbero il barista, reo di aver traviato i loro bambini con quei cocktail tutti colorati come lecca lecca, al solo scopo di spillargli quattrini.

    RispondiElimina
  2. Non vorrei sbagliarmi, ma già oggi il gestore che viene pizzicato a dare alcolici ad un minore di 16 anni becca una pippa di multone che non finisce più...
    Sono in buoni rapporti con diversi gestori di bar (chi l'avrebbe mai detto, eh??) e la loro lamentela non sta tanto nel fatto che devono mantecarsi le balle a chiedere ad un tot di clienti i documenti, ma più per il fatto che di fronte ad un "non ti posso dare alcolici" gli infanti attraversano la strada e vengono ingozzati di tequila come oche, perchè tanto il gestore di quel locale è amico di Corona e di Balotelli e quindi nessuno gli fa controlli e contropeli, mentre il mio amico deve sbobinare una sera si e una anche i rotoli del registratore di cassa a finanzieri in borghese…
    E’ una triste realtà che la maggior parte dei genitori oggi, di fronte ad una multa, farebbe causa al bar… Questione di mentalità: quando avevo circa 14/15 anni i miei mi davano a malapena i soldi per far girare il motorino, non tanto perché non ne avessero da darmi di più, ma perché era per loro fondamentale che io iniziassi ad amministrarmi le risorse; poco dopo, tra lavoretti saltuari, sfruttamento della prostituzione fotografica delle amichette del paesello e traffico illegale di getti maggiorati per carburatore qualche soldino in più cominciava a girarmi in tasca, ma i 16 li avevo già compiuti ed oggi sono un alcolizzato… Resta il fatto che se avessi portato a casa anche una multa anche di 25.000 lire per somministrazione illegale di alcolici oggi non sarei alcolizzato ma su un carrellino deambulatorio, senza le gambe…

    RispondiElimina
  3. quoto Dave e Marziano, il primo passo per "educare i giovani d'oggi" dovrebbe essere quello di educare I LORO GENITORI, a forza di calci in culo (che non hanno preso abbastanza quand'erano giovani loro, e/o che non hanno dato abbastanza ai loro pargoli).

    detto questo, non si può certo dire che chiedere il documento sia questo grosso problema...in tutti i paesi civili se vai dal barista e quello ha dei dubbi sulla tua età ti chiede il documento oppure non ti serve un cazzo.

    se il sistema funziona così da decenni nei peggiori pub dei bassifondi di dublino, non vedo perché non dovrebbe andare bene per bolzaneto o voltri o i vicoli.

    RispondiElimina
  4. Premesso che con l'alcol bisogna starci attenti, premesso che sono per l'educazione a base di calci in culo sia per certi stronzettini che per i loro genitori, io questi proibizionismi all'americana (paese in cui è più facile procurarsi un bazooka che farsi una birretta al bar) li ho sempre etichettati in una zona intermedia tra "fascismo" e "stupidità".

    RispondiElimina
  5. ma infatti, se tanto non possono guidare lasciateli bere. sì, potrebbe esserci il problema di tirare su una generazione di alcolizzati, ma allo stato attuale ci sono problemi ben peggiori. e poi quando le leggi arrivano da un parlamento di cocainomani, che credibilità possono avere?

    RispondiElimina
  6. Beh per semplificare l'iter basterebbe che un sedicenne entrerebbe già con la carta d'identità in mano... preventivamente falsificata a dovere... e tutto sarebbe risolto. :-)

    RispondiElimina
  7. sento come una vena moralizzatrice..
    beh, io vado a farmi una birra. Serve il documento? ;)))
    che poi zio Scriba ha ragione..

    RispondiElimina
  8. .....ma tipo... al signor carrefour non gli fanno nulla?

    RispondiElimina
  9. credo che tutti abbiate più meno ragione...

    @FletcherLynd: ti ricordo che l'ignoranza italiana non è paragonabile con l'ubriachezza irlandese

    @MagoDiOzo: hai ragione anche tu ma ti prego, controlla i verbi la prossima volta perchè mi si è incrinato il monitor... :)

    @sblog: sono io il sig. Carrefour. mi dica

    RispondiElimina
  10. A Lugano non aspettano altro che una nuova ondata di proibizionismo.

    RispondiElimina
  11. Tanto si beve anche a casa ahah

    RispondiElimina

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons