10/03/11

Trasforma anche tu la tua città in un puttanaio!

Devo smettere di scrivere di giovedì mattina, specie se l'ultimo servizio de Le Iene continua a parlare di prostituzione. Anche perchè poi mi tira il pisellino.
Chi sa cos'è la Svizzera? Chi sa dove si trova? Chi sa che è piena di night / case chiuse?
100% di "Sì" ad ogni domanda, siete dei maniaci geografici.

Questa volta, però, il mio obiettivo non sarà quello di parlare di prostituzione, di sesso a pagamento, di Thailandia o di preti. Men che meno di preti. Voglio solo spiegarvi perchè sarebbe sbagliato aprire le case chiuse anche qui in Italia.
(brusio di sottofondo di gente incredula)
E' ovvio che per fare una simile insinuazione siano necessarie delle argomentazioni. Vabbè nel mio caso basterebbe dire E' così e basta chi dice il contrario non capisce un cazzo, pubblicare il post, andare a dormire e svegliarsi a mezzogiorno. E c'è mancato veramente poco che non lo facessi...
Proviamo a spiegarlo in maniera banale banale banane e lampone.

- PRO -
  • Le prostitute cominciano a pagare le tasse (in Svizzera bisogna pagare una "licenza" di 600/700 euro al mese)
  • Controlli maggiori e sicurezza per il cittadino (soprattutto dal punto di vista delle malattie)
  • Pulizia delle strade con lo spostamento della prostituzione in case / alberghi
  • Azzeramento dello sfruttamento (papponi disoccupati)

- CONTRO -
  • Quando qualcuno vi dice Svizzera voi cosa rispondete? Io cioccolato e puttanai.
  • Praticamente TUTTE le discoteche svizzere sono adibite come locali per incontri (usando un eufemismo). Io non voglio dover girare mezza Italia per trovare una discoteca "normale".
  • Volete veramente che la fama del nostro paese sia Italianen Puttanonen e che arrivino da tutte le parti del mondo per fare sesso a pagamento? Preferisco una marea di giapponesi con le loro macchine fotografiche ed un turismo "sano" dedito ai monumenti.
  • Se una ragazza dovesse attaccare bottone con me e poi scoprissi che vuole solamente propormi un rapporto sessuale a pagamento senza la minima attrazione, potrei anche piangere per mesi (motivazione personale)

Per farla breve, non voglio che il mio paese diventi un troiaio, pieno di manigoldi russi / arabi nelle discoteche del centro. Non voglio diventare pazzo per trovare un locale senza prostituzione. Non voglio pagare per fare all'amore. Non voglio più vedere Le Iene. L'erba voglio non cresce neanche nel giardino del re. Affari Tuoi è un programma finto come la Parrucca di una battona [cit.].

Lo so che il mio è un discorso puramente egoistico ma al tempo stesso non sono convinto che sia così vantaggioso per una ragazza sfruttata questa legalizzazione. Pensate che una povera nigeriana senza permesso di soggiorno possa permettersi 700 euro al mese di licenza più le spese mediche e l'affitto della camera?
Io dico di no.

E sono sicuro che preferirebbero un aiuto statale per uscire da quella situazione e non un aiuto statale per rafforzare una professione alla quale sono costrette.

Parto domani per la Svizzera. Facciamo una macchinata?

27 commenti:

  1. Io sarò nei pressi della Svizzera intorno al periodo di Pasqua, se vuoi prendiamo la mia macchina.
    E poi un "contro" a favore delle Case Chiuse lo suggerisce Carlo Verdone in uno dei suoi film più brutti "Grande, grosso e verdone"
    «Ma poi case chiuse di che cosa? Nella casa chiusa uno entra ed è un terno al lotto, non sa mai chi becca. È bello invece all'aperto, che uno può scegliere quello che vuole, ci vede bene»

    RispondiElimina
  2. E'quello che io penso. Ho sempre sostenuto che pagare le TASSE addirittura la LICENZA, (come in certi paesi) per questo lavoro che in fondo si sà (per alcune è un pochino più piacevole della nigeriana di turno)E'INACCETTABILE!!!
    Ti toglie molto, e quello che ti toglie non è comparabile nemmeno con 1500 euro per una notte con un cliente! E poi ci sono donne che insieme a questo "mestiere" hanno un lavoro normale e le tasse già le pagano di per se. Hanno figli, famiglia da mantenere!
    Io ho sempre pensato che le tasse su questo mestiere sono assurde!!!
    Il ghettizzare la prostituta, confinandola in determinati spazi, edifici, locali, sarebbe degradante, per noi e per il paese.
    Ovvio che aiuterebbe soltanto le sfruttate, ma si potrebbe fare qualcosa anche per loro senza per forza rinchiuderle nelle case chiuse!
    Noi prostitute paghiamo la bolletta della luce dell'acqua, l'immondizia, e le contravvenzioni se pargheggiamo in doppia fila!
    Paghiamo l'affitto o il mutuo, andiamo a fare la spesa, siamo donne normali, ma le tassa sulla mia FICA non l'avrete mai!!!!!

    Grazie Ragno! post interessanti i tuoi. ;-)

    RispondiElimina
  3. @belladigiorno: ma che discorsi sono??? allora è ingiusto anche che una che si mangia merda tutto il giorno in call center, o una che pulisce i cessi pubblici paghi le tasse? che cazzo vuol dire che se paghi la luce e l'acqua non devi pagare le tasse? e allora chi lo finanzia il sistema sanitario, la scuola e tutto il resto, i coglioni?
    quelli che fanno il doppio lavoro ti faccio presente che non pagano generiche "doppie tasse", ma hanno le stesse aliquote sul reddito degli altri!

    RispondiElimina
  4. Per quanto riguarda i pro secondo me manca la facilità di trovare sesso a pagamento (dal punto di vista del cliente) e la certezza di non incombere in una Carfagna qualsiasi che tenta di multarti se al semaforo chiedi indicazioni stradali.
    Per quanto riguarda i contro il primo e il terzo secondo me sono la stessa cosa, mentre il quarto sarebbe un notevole risparmio di tempo =)
    Detto questo, non credo che la riapertura delle case chiuse sia paragonabile ad una ghettizzazione. La possibilità di svolgere quel tipo di attività nella propria casa è già attualmente tutelata. Secondo me invece varrebbe la pena di creare servizi sociali di quel tipo. Anche perchè che cos'altro è, se non una possibilità che dai a chi non ha alternative?
    Una cosa che trovo molto interessante invece è smettere di guardare le iene, che sono un programma demenziale dove si scambiano episodi con la consuetudine (una delle tante berlusconate). Ma questa è solo la mia idea...

    RispondiElimina
  5. Una che si mangia merda in un call center o che pulisce i cessi pubblici tutti i giorni non deve dividere la sua vita in due.
    Io si!
    Purtroppo è un concetto che non riesco a far comprendere agli altri.

    RispondiElimina
  6. L'ho visto anche io il servizio ieri sera,e,alla visione di tutte quelle tette con il mio pseudo-uomo dopo abbiamo dovuto per forza trombare...
    Sono d'accordo con te...Alla fine se uno vuole andare a puttane,case chiuse o no,il modo lo trova comunque,anche perchè (anche se illegale..) pure da noi ci sono questi localini con prostitute annesse...

    Tienimi un posto in macchina...Solo per curiosità!

    RispondiElimina
  7. per non essere associati all'idea di Italianen Puttanonen mi sa che ormai è un pochino tardi...

    RispondiElimina
  8. @Pesa: Verdone è invecchiato malissimo
    @Bella & Polly: lotta nel fango per risolvere la questione, VIA!
    @Magnetico: ho già smesso con Striscia la notizia, almeno le Iene mi fanno ridere...
    @Violet: io ho trombato prima. Vuoi venire in camporella?
    @Marco: per ora ci salviamo con "a puttane ci vanno solo i politici". Ancora per poco però...

    RispondiElimina
  9. io abolirei le discoteche.

    RispondiElimina
  10. Le case chiuse in Italia c'erano, tempo fa.
    Sono state censurate, proibite.
    Proibire/censurare qualcosa è ammettere di non essere in grado di gestire questo qualcosa ed è una sconfitta per ogni società civile.
    E questo vale anche all'estero.
    Mi dispiace tanto, ragno, ma non ci sono scuse.

    RispondiElimina
  11. In America, dico in America che poi fa tendenza, si sta diffondendo la castità. Dicono la castità felice. Non so come, ma la chiamano così. Chissà se anche da noi possa attecchire, così tutti questi problemi sarebbero risolti.

    RispondiElimina
  12. AHAH ma dai penso si capisca se un locale è o non è un troiaio :)

    RispondiElimina
  13. i pro e i contro sono spiegati molto bene... ma i pro mi sembrano molto più incisivi dei contro, francamente.

    da un lato parliamo di diritti, di salute, di economia, dall'altro di "cosa penseranno di noi" e "le discoteche saranno piene di troioni" (sai che novità.

    insomma, i due piatti della bilancia mi sembrano di peso ben differente

    RispondiElimina
  14. @Cumpareddu: e chi si scusa?
    @Alberto: ti ricordo che in America sono pazzi...
    @Danx: non finchè non ci entri (15 euro di ingresso minimo)
    @Fletcher: ho spiegato male quello che intendevo coi contro: non voglio riempirmi la città / paese con persone che vengono qui solo per andare a troie. Non voglio che diventi come Amsterdam per i tossici (e non solo).
    E poi ho precisato il mio infinito egoismo, che fa di me uno stronzo

    RispondiElimina
  15. Fatta...Dammi una data che vengo a Genova.

    RispondiElimina
  16. Come hai fatto a memorizzare i contenuti concettuali del servizio, sapendo che il sangue era diretto nella direzione opposta a quella dove risiede la memoria?

    RispondiElimina
  17. @Violet: 22 dicembre 2012
    @Cervello: ti ricordo che i Ragni sono privi di pene

    RispondiElimina
  18. Come gestire il "mestiere più antico del mondo?".
    Mi viene in mente una puntata dei simpson e, anche se non c'entra un cazzo subito dopo, he got game di spike lee che ho appena visto.
    La puttana molto spesso è una ragazza che ha subito violenza in giovane età e per una strana legge del contrappasso si svilisce perché pensa che fare il mestiere sia un modo per autopunirsi.
    Ma tra lasciarle in mezzo alla strada e metterle al riparo anche di una modica stanza di una casa (chiusa non è forse il termine adatto proporrei più "godereccia", beh, io propongo per la seconda. Se non altro hanno qualche comfort in più. Ancora meglio se in taluni casi in cui non c'è una scelta autonoma ma la costrizione di un magnaccia, l'ausilio di operatori sociali.
    O perché no...anche gruppi d'incontro. Ciao...Ciaooooo, io sono Michelle...ciao Michelle...e faccio la prostituta...bene Michelle vuoi raccontarci la tua storia? e cosi via...

    RispondiElimina
  19. Non lo so, Ragno. So solo che Le Iene non va guardato, ha rotto il cazzo.

    Da tempo.

    RispondiElimina
  20. non posso scusa....devo morire o elevarmi ad un'altra dimensione....

    RispondiElimina
  21. pentiti dei tuoi peccati che io mi pento dei miei

    firmato un prete

    RispondiElimina
  22. @Anonimo qui sopra:
    Se tu sei un prete io sono lo spirito di John Holmes reincarnato in una lesbica.

    RispondiElimina
  23. Non guardo la tv, non mentre è accesa. Comunque se c'è una cazzo di cosa che andrebbe legalizzata è la marijuana, non la prostituzione.

    RispondiElimina
  24. @ emix: perchè non entrambe...

    RispondiElimina
  25. Boh, non saprei. Probabilmente Perchè le puttane mi stanno sul cazzo!

    RispondiElimina
  26. Emix, spero tu abbia usato le precauzioni necessarie.
    In america si sta affermando la castità vaginale, ma vanno di brutto inculate e spompinamenti (scusate le volgarità, ma sto arraciato), un po' come in inghilterra,no?
    Detto ciò, la televisione andrebbe solo installata nel cesso, a me aumenta lo stimolo; le iene ormai sono scadute come uno yogurt, striscia addirittura fa una campagna contro l'uso delle donne oggetto, mettendo a presentare le veline... e ho detto tutto.
    Anzi no, questa "campagna", piena di fertilizzante naturale, viene usata per attaccare i giornali/editori rivali del loro presidente; chi mi spiega perchè non vengono mai citati tutti quelle carte stracce di alfonso signorinE, che invece proliferano a più non posso?
    Tornando a bomba, Ragno, maccheminchia ci vai a fare nelle discagateche?
    E mi volete dire che non ci sono già le zoccole nelle discagateche nostrane?
    Il concetto di "italianen puttanonen" si dovrebbe estendere a "occidentalen puttanonen", almeno dal punto di vista degli orientali (e non hanno tutti i torti).

    Chucky Scazzato

    RispondiElimina
  27. Otto Schumacher29 marzo 2011 16:18

    Svizzero? No novi!

    RispondiElimina

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons