09/11/11

Finché è gratis, lamentiamoci. Poi si vedrà...

Alla fine la categoria peggiore sono i cosiddetti lamentoni. Loro trovano giubilo nel lamentarsi: lamentarsi che la loro vita è una merda, lamentarsi perchè il vicino di casa ha detto qualcosa di brutto nei loro confronti, lamentarsi perchè piove, lamentarsi perchè non piove, lamentarsi perchè fa caldo ed era meglio il freddo col piumone e 350 euro di bolletta del gas ma poi si stava meglio quando si stava peggio...
Siamo tutti un po' vittime, ma ci sono alcuni che sono più vittime di altri. E si lamentano.

Escludendo questo periodo della mia vita dove mi rendo conto che le persone sono completamente pazze (ma sono sempre più convinto di essere io quello anormale), la stragrande maggioranza della gente non aspetta altro che potersi lamentare di qualcosa.

Ci sono quelle persone che ogni giorno si lamentano del lavoro
Ah oggi sono stanco morto una giornata di merda a lavoro guarda uno schifoMa che lavoro fai?
Davanti al pc 8 oreAllora per lamentarti chiama questo numero: è un ragazzo che fa l'asfalto in autostrada. Dillo a lui che hai avuto una giornata di merda
Chi si lamenta del proprio stato fisico (non vorrei fare di tutta l'erba un fascio ma le donne sono maestre di questa tipologia) e ogni giorno ne hanno una diversa tra:
  • Mal di testa
  • Mal di gambe
  • Mal di schiena (questo sono io)
  • Mal di palle
  • Mal di pancia
  • Mal
  • & much more...
Chi si lamenta dell'erba del vicino, chi del vicino stesso, chi trova capri espiatori e dà tutte le colpe del mondo a loro...

Vittime, tutte vittime di questo mondo crudele e cattivo che gli ha donato solo una vita agiata (sì agiata testa di cazzo, se riesci a leggere sto blog non sei messo male).

E poi?
Poi succede questo
5 terre, prima e dopo
E, dopo 10 giorni, questo
Genova, prima e dopo
E capisci che sei stato uno stronzo, un maledetto stronzo a lamentarti per una cazzata mentre la gente perde tutto, anche la vita.
Mentre tu sei al caldo, con la tua coperta e la tua vita (anche se triste) gli altri spalano fango e merda. Merda nei fiumi causata da chi non sa fare il proprio lavoro.

Ecco ora lamentati, arrabbiati per due cazzate.
Io non ne ho il coraggio.

Forza Genova

12 commenti:

  1. Com'è la situazione nella zona in cui abiti tu?

    RispondiElimina
  2. Forza Genova anche da parte mia, cazzo.

    Però ho mal di schiena lo stesso, giuro. Un male fottuto. Agiato, ma fottuto. ;)

    RispondiElimina
  3. Ah io mi lamento di tutto (sono donna!) e infatti quando poi vedo ste cose mi sento una merda (e mi sta bene!!!!). Condivido comunque il pensiero!

    RispondiElimina
  4. Sono donna e non mi fa male niente x ora... tranne vedere il nostro paese in ginocchio! Forza italiani!!!

    RispondiElimina
  5. Anch'io sono donna, e hai ragione: siamo campionesse del lamento (non io, io ruoto gli occhi al cielo e sbuffo).
    Ma qui bisogna lamentarsi della scarsa attenzione delle istituzioni riguardo alla manutenzione dei corsi d'acqua e della troppa cementificazione incontrollata.
    E allora sì che mi lamento, cazzo!

    G

    RispondiElimina
  6. Hai tirato la catena del cesso?

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti ma non cercavo compassione, giuro.
    Volevo solo farvi (farmi) sentire in colpa per tutte le volte che avete detto "cheppalle oggi piove e ho le scarpe bianche".
    Tutto qui :)

    RispondiElimina
  8. Mal vive a Pordenone...E già questa per me è una tragedia,perchè si presenta ad ogni sagra...Detto questo,con l'anima sono vicina a voi liguri. Lo sai. E sai anche come farmi sentire in colpa visto che non riesco a vivermi bene anche le cose belle...

    RispondiElimina
  9. Mal.... GENIALE!
    Comunque io mi ritengo davvero fortunato (l'anno scorso ho visto le cinque terre, ed erano un paradiso, ed erano bellissime; e la loro devastazione mi ha intristito )....

    RispondiElimina
  10. Chi si lamenta è perché vuole essere compatito. Una cosa che io odio è essere compatito.

    Forza Genova.

    RispondiElimina
  11. basta lamentarsi di chi si lamenta

    Lucas

    RispondiElimina

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons